Infertilità maschile, 5 milioni gli italiani colpiti

La preoccupante denatalità che interessa il nostro Paese non ha cause solo sociali ed economiche ma anche mediche. Il numero di giovani maschi infertili è in costante aumento. Si stima infatti che negli ultimi 40 anni la concentrazione spermatica e la conta spermatica totale si sia dimezzata. “Dare il via ad una nuova e più…

Dettagli

Identificata una proteina in grado di rivelare la fertilità di un maschio

Nei Paesi industrializzati è sempre più diffusa la riduzione della natalità, fino ad arrivare in Paesi come l’Italia in cui è diminuita drasticamente sotto i livelli di sostituzione (Eurostat Regional Yearbook 2015). Il fattore maschile è coinvolto in un’ampia percentuale di casi di sterilità: numerosi fattori, tra cui anomalie genetiche, malattie acute e croniche, trattamenti farmacologici per determinate…

Dettagli

Primi passi verso l’ovaio artificiale: da modello di studio a impiego clinico nell’infertilità femminile

Secondo una recente ricerca dell’Istituto Nazionale di Statistica l’Italia è il Paese europeo nel quale nascono meno bambini; dal 2008 al 2018, infatti, le nascite hanno subìto un crollo di 128.000 unità, 9000 in meno del precedente minimo registrato nel 2017. Accanto alle motivazioni socio-lavorative, il rilevante calo di nascite è correlato all’aumento dei casi…

Dettagli

Utilizzo di cellule staminali endometriali per il trattamento dell’infertilità femminile

L’endometrio umano va incontro a processi ciclici di sfaldamento, rigenerazione e differenziamento durante il ciclo mestruale qualora non sia avvenuto l’impianto dell’embrione. Il tessuto endometriale aumenta il suo spessore nella fase secretoria del ciclo sotto controllo degli ormoni ovarici mantenendo la struttura della cavità uterina in diversi contesti tra i quali l’instaurarsi di una possibile gravidanza, la rigenerazione dopo il parto, durante la menopausa in donne esposte a…

Dettagli

Il momento giusto per l’ovodonazione

Nelle coppie che afferiscono ai centri di procreazione medicalmente assistita (PMA), esiste una percentuale di casi in cui si identifica il deficit di fertilità nella bassa qualità ovocitaria, definendo il problema come infertilità femminile. Esistono situazioni dove non è possibile ovviare a tale problema, quindi il ginecologo di PMA suggerisce alla coppia di optare per una fecondazione eterologa femminile. Questa pratica consiste nell’effettuare un…

Dettagli

Il ruolo degli interferenti endocrini sulla fertilità

La comunità scientifica è concorde nel considerare gli interferenti endocrini (ED, endocrin disruptor) come una reale minaccia per la salute dell’uomo in quanto si tratta di sostanze in grado di alterare le numerose funzioni che nell’organismo sono finemente regolate dal sistema endocrino attraverso la sintesi, il rilascio e l’azione di ormoni. In particolare, la presenza…

Dettagli

Un nuovo progetto di genitorialità: la fecondazione eterologa

Il ciclo vitale della vita di coppia di ognuno di noi consiste nelle fasi evolutive che sono: la formazione della coppia, il diventare i genitori, le famiglie con figli adolescenti, lo svincolo dalle famiglie di origine e l’età anziana in cui si ritorna in coppia. È un processo naturale e anche radicato nella nostra cultura che genera…

Dettagli

Chlamydia e fertilità

L’infezione da Chlamydia trachomatis è sicuramente tra le infezioni più diffuse al mondo, potendo essere trasmessa con tutti i tipi di rapporto sessuale e perfino in maniera verticale, ovvero dalla madre al feto durante il parto vaginale. Che cos’è la Chlamydia trachomatis? Si tratta di un batterio parassita endocellulare obbligato, ovvero un batterio che non può riprodursi e moltiplicarsi se non all’interno…

Dettagli

Le abbuffate alcoliche riducono il volume dei testicoli

Studio italiano su oltre 10.000 ragazzi adolescenti (ANSA) – Tra i danni che un abuso di alcol può provocare nei giovani vi è anche una compromissione dello sviluppo dei testicoli, con conseguenze sulla salute sessuale. A metterlo in evidenza uno studio italiano condotto su oltre 10mila giovani, pubblicato sulla rivista scientifica Andrology. Lo studio ha…

Dettagli

Caffeina: possibile cofattore di infertilità?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce l’infertilità come “il mancato concepimento in una coppia dopo 12-24 mesi di rapporti mirati e non protetti” e complessivamente, secondo quanto afferma il Ministero della Salute, questa condizione riguarda circa il 15% delle coppie. Le cause di infertilità sono numerose, di diversa natura e possono essere a carico di…

Dettagli